Il governo punta sul gioco d’azzardo

by , under Uncategorized

Il Governo, senza dubbio, sa quali “interventi” effettuare in generale per “far star bene” tutti i settori, ivi compreso il mondo del gioco d’azzardo che, forse, più di tutti ha necessità di ristrutturazione sopratutto a livello fiscale. Quindi, la frase del nostro Ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, pronunciata durante il fine settimana “L’impegno del governo è quello di razionalizzare e ridurre la pressione fiscale” ha reso il settore-gioco assai “felice” presupponendo che tale riduzione sia foriera di crescita e sviluppo delle aziende. Ovviamente il mondo-gioco sa che questo intervento, e quello della lotta all’evasione” sono quelli indispensabili e sono esattamente ciò che ci si aspetta dall’Esecutivo per continuare “a sperare di sopravvivere”.

Tutto sta a credere che le aspettative si concretizzino, che le risorse che lo Stato si attende di recuperare dal “gioco sommerso” siano quelle che lo stesso aspetta e che i risultati “dell’emersione” vadano a favore del gioco lecito, che non rimangano solo parole. Quelle che si sono udite dall’esecutivo sono parole incoraggianti e che “fanno bene” a tutte le aziende… bisognerà poi constatare che i risultati sperati diano una “boccata di ossigeno” ai vari settori e particolarmente diano al mondo-gioco quella stabilità e riorganizzazione per il futuro che gli operatori richiedono ed attendono da tanto tempo. Lo Stato ha “dato tanto potere non legiferando” ai Comuni ed alle Regioni che hanno di conseguenza “stretto in una morsa” il gioco: sarebbe ora di intervenire e “pianificare nazionalmente” il tutto. Varrà la pena di investire “nelle parole” di chi governa?